Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

Domanda 


Che differenza c'è fra la rete elettrosaldata standard e quella HD? Per un solaio da realizzare nella provincia di Napoli quale devo usare?


Risposta


La sigla HD (High Ductility) è il marchio con cui la Ferriere Nord (Gruppo Pittini) individua un particolare tipo di acciaio, ormai molto diffuso, ottenuto dalla laminazione a caldo delle billette nei diametri voluti. Oltre a soddisfare tutte le caratteristiche imposte dal Prospetto 2-I del D.M.’96 relativo agli acciai FeB44k e le caratteristiche di saldabilità richieste, osserva anche i parametri di duttilità consigliati nelle Istruzioni al D.M.’96:

 

                fy / fy,k < 1,35                            (ft / fy)medio > 1,13

 

Col primo parametro si impone l’uso di acciai con uno snervamento “controllato” che non superi di molto lo snervamento di progetto. Il secondo parametro è rappresentativo della duttilità effettiva: tanto più è grande la differenza tra la tensione di rottura e quella di snervamento tanto più l’acciaio è duttile.
Per quanto riguarda le armature elettrosaldate l’acciaio HD soddisfa ampiamente, di conseguenza, anche il Prospetto 4-I del D.M.’96 relativo appunto alle reti e tralicci elettrosaldati.

 

Il 23 settembre 2005 sul Suppl.Ord.n.159 della G.U. n.222 è stato pubblicato il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti “Norme tecniche per le costruzioni” del 14 settembre 2005 che è entrato in vigore il 23 ottobre 2005.
Con la Legge n.168 del 17 agosto 2005 (Conversione in legge con modificazioni del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115) il Ministero ha approvato però un periodo transitorio di 18 mesi per l'applicazione di tali norme tecniche prevedendo un periodo di coesistenza con la normativa preesistente. Quindi durante tale periodo è possibile fare riferimento anche al D.M. 9-1-1996 “Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso ed per le strutture metalliche” e al D.M. 16-1-1996 “Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche”
La nuova classificazione sismica invece è da considerarsi già in vigore; quindi una costruzione sita in un Comune che non era sismico ai sensi della vecchia classificazione sismica ma lo è diventato nella nuova, dovrà essere progettato rispettando i criteri sismici pur facendo riferimento alla normativa previgente.
Il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti “Norme tecniche per le costruzioni” del 14 settembre 2005 al capitolo 11 definisce due tipi di acciaio B450C e il B450A. Si tratta di acciai molto più “accurati” rispetto ai precedenti e richiede il rispetto tassativo di alcuni rapporti di duttilità. Nel caso per realizzare la rete si utilizzi un’acciaio del tipo B450A è necessario nella valutazione del momento ultimo, ovvero della tensione ammissibile, applicare un coefficeinte di modello alla tensione caratteristica di riferimento pari a 1,2.

 

Fatte queste premesse è possibile affermare che attualmente, essendoci la coesistenza con la normativa preesistente, è sufficiente utilizzare reti elettrosaldate che rispettino il prospetto suddetto del D.M.’96. In zona sismica è consigliabile un’armatura duttile (e questo è confermato dal D.M. del 14 settembre 2005); quindi sarebbe meglio richiedere il rispetto dei rapporti di duttilità e comunque, per costruzioni in zona simica (alcuni comuni in provincia di Napoli si trovano in zona simica di 2a categoria ed altri di 3a categoria), se la rete nel solaio è “strutturale” diventa necessario dichiarare i limiti dei rapporti fy / fy,k, (ft / fy)medio.

 

Si consiglia di consultare:

1.   “Informazioni sulla laminazione a caldo e differenza con l’operazione di 
trafilatura”
(02/10/2001)

 

2.   “Progettazione in zona simica: acciai” (20/10/2003)

 

3.   “Ricerca di duttilità negli acciai da cemento armato” (03/09/2004)


Ing. Roberta Mallardo
 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati