Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

Domanda 


Devo verificare analiticamente che i tegoli piani binervati di copertura siano R120. Tali tegoli sono separati da lucernari continui (sul mercato non ho trovato elementi traslucidi R120). I miei dubbi sono i seguenti:
1) Considerando che il lucernario non essendo R120 si autoestingua, è ragionevole comunque considerate la superficie superiore del tegolo non esposta al fuoco bensì all'aria ambiente(magari modificando i parametri dell'aria come la temperatura e i coefficienti di trasmissione della superficie esposta all'aria)?
2) Considerando sempre che il lucernario si autoestingua, non è troppo gravoso considerare, come nel calcolo a freddo, una larghezza di influenza dei carichi permanenti e della neve (al 50% secondo UNI9502) comprendente anche il lucernario? Infine, riguardo i tegoli di copertura a Y, è accettabile che l'ala inferiore non portante perda di resistenza (resistenza nulla a taglio della sezione trasversale dell'ala) non pregiudicando la resistenza globale dell'elemento e la sua stabilità?

 

Risposta


I lucernari continui interposti tra i tegoli di copertura si auto estinguono e permettono la fuoriuscita di fumi e di aria calda.
La superficie esterna dei tegoli di copertura non è detto che resti esposte all’aria perché normalmente è presente uno strato di materiale isolante, che impedisce la dispersione della temperatura, oltre che una copertura di impermeabilizzazione costituita da lamiera o guaina o fibrocemento
Il carico accidentale va considerato sulla intera superficie di competenza, pari all’interasse dei tegoli, perché potrebbe già in precedenza essersi accumulato.
Nel caso di elementi ad Y non sembra prudente ritenere accettabile la perdita di resistenza dell’ala inferiore perché essa potrebbe influire sulla resistenza globale e la stabilità dell’elemento.


Ing. Roberto Capra

 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati