Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

Domanda


Dovendo realizzare un impianto a collettori solari per la produzione di acqua calda per impieghi igienico-sanitari, utilizzando come fluido vettore una miscela acqua e glicole (etilenico o propilenico), gradirei conoscere la compatibilità chimica di queste miscele con i vari tipi di acciaio: nero, zincato e inox con l'indicazione degli eventuali processi corrosivi alle varie temperature.

 


Risposta


I materiali indicati si possono corrodere se nell’acqua è presente ossigeno.
Se il circuito in cui fluisce il fluido vettore è un sistema chiuso, ossia non c’è riciclo di acqua, la corrosione è trascurabile, poiché l’ossigeno in essa disciolta, una volta consumato, non è più rinnovato. Il comportamento è molto simile a ciò che accade all’interno dei radiatori in ghisa. Inoltre la presenza di glicole riduce la conducibilità dell’acqua, e quindi la sua aggressività. Se invece il circuito fosse aperto, allora per una risposta dettagliata servirebbe conoscere la composizione esatta del fluido vettore.

 

Per approfondimenti si veda: P. Pedeferri “Corrosione e protezione dei materiali metallici”, Polipress, 2007, www.delporto.it


Prof. Fabio Bolzoni
 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati