Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

Domanda


Nel caso di corrosione per carbonatazione di una parete in calcestruzzo armato; quali sono le differenze a livello di tempo di innesco e tempo di propagazione nei seguenti casi:
1) parete satura di acqua
2) parete con UR 70% e t 22 *C

 

 

Risposta


1) in una parete satura di acqua non avanza la carbonatazione (l'anidride carbonica diffonde con una velocità assolutamente trascurabile nei pori pieni d'acqua); se non ci sono altre cause (es. cloruri) la corrosione non si innesca;
2) in una parete esposta a UR 70% e t 22 *C, la carbonatazione può avvenire abbastanza rapidamente; queste sono le condizioni ambientali peggiori per la propagazione della carbonatazione, anche se la velocità effettiva di avanzamento dipende dalla composizione del calcestruzzo e, in particolare, dal rapporto acqua/cemento; in queste condizioni, se l'umidità
rimane costante e non ci sono altre cause che portano a bagnare il calcestruzzo, la propagazione della corrosione è molto lenta; di conseguenza, anche se si innesca la corrosione quando la carbonatazione raggiunge le armature, l'attacco corrosivo propaga con una velocità trascurabile e la vita di servizio della struttura può essere molto lunga.


Prof. Luca Bertolini

 

 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati