Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

Domanda


Le immagini successive sono state scattate circa 20 giorni dopo l’installazione di alcune ringhiere in corten.
E’ normale che in così breve tempo si verifichi il fenomeno visibile dalle foto?

 

 

 

 

 
 

Risposta


L’acciaio corten (detto anche acciaio patinabile) è un lega di ferro che ha la proprietà di auto proteggersi dalla corrosione, mediante la formazione di un film superficiale passivante a base di ossidi di ferro. Tale film si forma solo se sussistono ben determinate condizioni superficiali: esposizione all’atmosfera, alternanza di cicli di bagnamento (pioggia)/asciugamento, assenza di ristagni e/o contatti permanenti con acqua. Durante le fasi di formazione del film sulla superficie del corten è visibile la formazione di ruggine, indice appunto della formazione e crescita del film passivante. Tale film, a passivazione ultimata, avrà una colorazione marrone. Rimuovere la “ruggine” che si vede non è un’operazione corretta. In ambienti inquinati (da sali cloruro, da solfati), il corten non si protegge, ossia non si ricopre di un film di ossido protettivo. In queste condizioni si corrode esattamente come fosse acciaio al carbonio.
Relativamente alle foto le zone nerastre fanno pensare alla presenza di calamina da laminazione. La fioritura potrebbe essere l’inizio della passivazione. E’ necessario attendere per vedere l’evolversi del fenomeno.

 

Per approfondimenti si veda:

L. Lazzari, P. Pedeferri, M. Ormellese “Protezione Catodica”, Polipress, 2006, www.delporto.it

 

 

Prof. Pietro Pedeferri – Prof. Marco Ormellese
 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati