Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

Domanda


Devo, in ambito appalto, realizzare una fontana in corten, con parti immerse in acqua e parti fuori acqua. Per l'impianto di filtrazione la D.L. impianti mi richiede se il corten rilascia ossidi di ferro o altri ossidi od elementi chimici e in che quantitativi, in modo da verificare e dare le specifiche per l'impianto di filtrazione.

 

Risposta


Il corten in acqua e nelle zone soggette a spruzzi non si protegge, ossia non si ricopre di un film di ossido protettivo. In queste condizioni si corrode esattamente come fosse acciaio al carbonio. La sua velocità di corrosione dipende dal tipo di acqua, dalla sua salinità, dal suo potere incrostante, dalla conducibilità e dalla quantità di ossigeno disciolto. Se si escludono condizioni di turbolenza, si va da un minimo 10 micron/anno ad un massimo di 100 micron/anno, a seconda delle proprietà aggressive o incrostanti dell’acqua. Pertanto la scelta del corten per parti a contatto con acqua è errata.


Prof. Pietro Pedeferri – Prof. Marco Ormellese

 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati