Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

Chiarimenti ed indirizzi applicativi del D.M. 9 marzo 2007

 

Il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, tramite la Lettera-Circolare Prot. n. P414/4122 sott. 55 del 28 marzo 2008, fornisce alcuni chiarimenti sull’applicazione delle disposizioni del Decreto del Ministero dell’Interno del 9 marzo 2007 “Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco”.
Il campo di applicazione del Decreto si limita alle attività soggette ai controlli del C.N.V.V.F. per le quali non esiste specifica regola tecnica di prevenzione incendi, “esclusivamente per quanto attiene la determinazione delle prestazioni di resistenza al fuoco che devono possedere le costruzioni”.
Qualora nell'ambito di una regola tecnica “verticale” venga richiamato il carico d'incendio ovvero la classe del compartimento rimandando ai criteri di calcolo previsti nella ex circolare n.91/61, tale riferimento è da ritenersi superato dall'entrata in vigore del D. Min. 9.3.2007 (dal 25 settembre 2007)”.
La Lettera-Circolare fornisce precisazioni su:
- fattori e coefficienti utili per il calcolo del valore del carico d'incendio;
- alcune definizioni contenute nell'allegato al decreto;
- livelli di prestazione prescritti.
Si sottolinea come ulteriori chiarimenti ed approfondimenti sulle curve naturali di incendio, nell’ambito delle linee guida per la valutazione dei progetti redatti con l’approccio ingegneristico, siano di prossima emanazione.
La Lettera-Circolare conclude osservando come “in linea di principio, qualora non sia possibile l'integrale osservanza di qualche disposizione tecnica del D.M. 9 marzo 2007, è consentito ricorrere all'istituto della deroga ai sensi dell'art. 6 del DPR 37/1998 (Qualora gli insediamenti o gli impianti sottoposti a controllo di prevenzione incendi e le attività in essi svolte presentino caratteristiche tali da non consentire l'integrale osservanza della normativa vigente, gli interessati, secondo le modalità stabilite dal decreto di cui all'articolo 1, comma 5, possono presentare al Comando domanda motivata per la deroga al rispetto delle condizioni prescritte)”. 

 

Per una lettura maggiormente esaustiva del testo della Lettera-Circolare si rimanda al sito del Vigili del Fuoco
 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati