Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

DL n.162 del 23 ottobre 2008

 

Con il DL n.162 del 23/10/2008 “Interventi urgenti in materia di adeguamento dei prezzi di materiali da costruzione, di sostegno ai settori dell'autotrasporto, dell'agricoltura e della pesca professionale, nonche' di finanziamento delle opere per il G8 e definizione degli adempimenti tributari per le regioni Marche ed Umbria, colpite dagli eventi sismici del 1997” (G.U. n.249 del 23/10/2008), il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti interviene sull’adeguamento dei prezzi di materiali da costruzione.
 Per fronteggiare gli aumenti repentini dei prezzi di alcuni materiali da costruzione verificatisi nell’anno 2008, l’art.1 del DL prevede, in deroga all’articolo 133, commi 4, 5, 6 e 6-bis, del D.Lgs.163/2006 (Codice degli appalti), che il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti rileva, entro il 31 gennaio 2009, le variazioni percentuali su base annuale, in aumento o in diminuzione, superiori all’8%, relative al 2008, dei prezzi dei materiali da costruzione più significativi. La compensazione è quindi determinata applicando la percentuale di variazione che eccede l’8% al prezzo dei singoli materiali da costruzione impiegati nelle lavorazioni eseguite e contabilizzate nel 2008, nelle quantità accertate dal direttore dei lavori. Per variazioni in aumento, a pena di decadenza, l’appaltatore presenta alla stazione appaltante l’istanza di compensazione entro 30 giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale che rileverà gli aumenti (il decreto che il Ministero delle infrastrutture emanerà entro gennaio 2009). Tali disposizioni non si applicano qualora il responsabile del procedimento abbia accertato, rispetto al cronoprogramma, un ritardo nell’andamento dei lavori addebitabile all’appaltatore, né per i materiali da costruzione oggetto di pagamento ai sensi dell’articolo 133, comma 1-bis, del Codice degli appalti.
 Per variazioni in diminuzione, la procedura è avviata d’ufficio dalla stazione appaltante, entro 30 giorni dalla suddetta data; il responsabile del procedimento accerta con proprio provvedimento il credito della stazione appaltante e procede ad eventuali recuperi.
Per le variazioni percentuali, in aumento o in diminuzione, dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi, precedenti al 2008, già rilevate dai decreti ministeriali adottati ai sensi dell'articolo 133, comma 6, del Codice degli appalti, continua ad applicarsi la disciplina di cui al medesimo articolo 133, commi 4 e 5.
 Le compensazioni, in aumento o in diminuzione, sono riconosciute nei limiti delle risorse e con le modalità indicate all’art.133, comma 7, del Codice degli appalti; in caso di insufficienza di tali risorse, le compensazioni in aumento sono riconosciute dalle amministrazioni aggiudicatrici attraverso la rimodulazione dei lavori da esse programmati e delle relative risorse. Ultima ipotesi è il ricorso al Fondo di 300 milioni di euro per l’anno 2009, appositamente istituito dal Ministero con risorse provenienti dal Fondo per le aree sottoutilizzate. 

È iniziata mercoledì  scorso in commissione Lavori pubblici del Senato, la discussione del ddl di conversione del decreto legge 162/2008 in materia di adeguamento dei prezzi di materiali da costruzione. A breve saranno resi noti gli emendamenti al ddl di conversione, che potrebbero modificare il testo del provvedimento. 

 

Riferimenti normativi

Decreto Legislativo 11/09/2008 n. 152
Ulteriori disposizioni correttive e integrative del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante il Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, a norma dell'articolo 25, comma 3, della legge 18 aprile 2005, n. 62 (Suppl. Ordinario n. 227) (Terzo correttivo del Codice Appalti)
(Gazzetta ufficiale 02/10/2008 n. 231)
 
Decreto Legislativo 12/04/2006 n. 163
Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE
(Gazzetta ufficiale 02/05/2006 n. 100)

 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati