Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

Provvedimenti per ricostruzione Abruzzo


tratta dalla Newsletter di Legislazione Tecnica del 23 aprile 2009


Riportiamo di seguito un breve elenco  dei provvedimenti fino a questo momento adottati in relazione alla situazione di emergenza nella città de L'Aquila e negli altri comuni limitrofi colpiti dal terremoto.


D.P.C.M. 6 aprile 2009 (G.U. n. 80 del 6.4.2009)
Dichiarazione dell'eccezionale rischio di compromissione degli interessi primari a causa del terremoto che ha interessato la provincia di L'Aquila ed altri comuni della regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009, ai sensi dell'articolo 3, comma 1, del decreto-legge 4 novembre 2002, n. 245, convertito con modificazioni dall'articolo 1 della legge 27 dicembre 2002, n. 286.


D.P.C.M. 6 aprile 2009 (G.U. n. 81 del 7.4.2009)
Dichiarazione dello stato di emergenza in ordine agli eccezionali eventi sismici che hanno interessato la provincia di l'Aquila ed altri comuni della regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009.

Ord. P.C.M. 6 aprile 2009, n. 3753 (G.U. n. 81 del 7.4.2009)
Primi interventi urgenti conseguenti agli eventi sismici che hanno colpito la provincia di l'Aquila ed altri comuni della regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009.


Ord. P.C.M. 9 aprile 2009, n. 3754 (G.U. n. 84 del 10.4.2009)
Ulteriori disposizioni urgenti conseguenti agli eventi sismici che hanno colpito la provincia dell'Aquila ed altri comuni della regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009.


Ord. P.C.M. 15 aprile 2009, n. 3755 (G.U. n. 88 del 16.4.2009)
Ulteriori disposizioni urgenti conseguenti agli eventi sismici che hanno colpito la provincia dell'Aquila ed altri comuni della regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009.


D.P.C.M. 16 aprile 2009 (G.U. n. 89 del 17.4.2009)
Individuazione dei comuni danneggiati dagli eventi sismici che hanno colpito la provincia dell'Aquila ed altri comuni della regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009.


Alcune delle misure adottate nei provvedimenti sopra elencati sono le seguenti:


Verifiche di agibilità degli edifici
È stata prevista presso ciascun comune interessato dagli eventi sismici la costituzione di gruppi tecnici di rilevamento per il censimento degli edifici danneggiati. A tali attività concorrono tecnici qualificati di enti e pubbliche amministrazioni, personale universitario e del Corpo dei VV.F., autorizzato ad effettuare demolizioni di strutture pericolanti giudicate non ripristinabili, anche in deroga alla normativa sui beni culturali.
Le risultanze delle verifiche andranno riportate tramite la scheda di rilevazione allegata alla Ordinanza n. 3753.


Professionisti coinvolti nelle attività
L'art. 7 dell'Ordinanza n. 3754, come modificato dall'Ordinanza 3755, stabilisce che ai professionisti che svolgano operazioni tecnico scientifiche nell'ambito delle attività di protezione civile e delle verifiche degli edifici danneggiati è riconosciuto il rimborso delle spese di vitto e alloggio debitamente documentate. Tali disposizioni si applicano a tutto il personale impiegato nella gestione dell'emergenza, compresi anche anche i professionisti impiegati per il tramite di Ordini ed Associazioni di categoria e quelli dipendenti da Enti locali. In favore di questi professionisti il Dipartimento della Protezione Civile è autorizzato ad utilizzare polizze assicurative già stipulate, a garanzia di eventuali danni.


Riapertura discariche
L'art. 12 dell'Ordinanza n. 3754 dispone la riapertura temporanea, fino al 31.12.2009, delle discariche di Pizzoli (località Caprareccia)e di Avezzano (località S. Lucia), in deroga ai provvedimenti adottati dalle amministrazioni interessate.
La riapertura potrà avvenire previa verifica tecnica di sussistenza delle condizioni di salvaguardia ambientale e delle volumetrie residue, mentre la Regione dovrà adottare eventuali provvedimenti di messa in sicurezza e bonifica di dette discariche.


Elenco dei comuni danneggiati
Questi i comuni interessati dagli eventi sismici, che hanno risentito di un'intensità uguale o superiore al sesto grado, individuati dal DPCM 16.4.2009:
Provincia dell'Aquila: Acciano, Barete, Barisciano, Castel del Monte, Campotosto, Capestrano, Caporciano, Carapelle Calvisio, Castel di Ieri, Castelvecchio Calvisio, Castelvecchio Subequo, Cocullo, Collarmele, Fagnano Alto, Fossa, Gagliano Aterno, Goriano Sicoli, L'Aquila, Lucoli, Navelli, Ocre, Ofena, Ovindoli, Pizzoli, Poggio Picenze, Prata d'Ansidonia, Rocca di Cambio, Rocca di Mezzo, San Demetrio neVestini, San Pio delle Camere, Sant'Eusanio Forconese, Santo Stefano di Sessanio, Scoppito, Tione degli Abruzzi, Tornimparte, Villa Sant'Angelo e Villa Santa Lucia degli Abruzzi
Provincia di Teramo: Arsita, Castelli, Montorio al Vomano, Pitracamela e Tossicia
Provincia di Pescara: Brittoli, Bussi sul Tirino, Civitella Casanova, Cugnoli, Montebello di Bertona, Popoli e Torre de' Passeri.
Ulteriori comuni non ricompresi nell'elenco potranno essere individuati dal Commissario delegato.

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati