Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

Nuove coperture in plexiglas per il risparmio energetico

La Direzione Generale Energia e Traffico della Commissione Europea prevede che il consumo energetico per i condizionatori raddoppierà entro il 2020; metà di tale aumento si potrebbe evitare con una migliore efficienza energetica degli edifici. L'Unione Europea, nel quadro del protocollo di Kyoto, si è impegnata a ridurre le emissioni dei gas serra dell'8% tra il 2008 e il 2012: i paesi membri dell’Unione Europea fisseranno dei requisiti minimi per l'efficienza energetica di edifici nuovi e già presenti, che saranno soggetto di regolari verifiche: una sfida per gli architetti che dovranno centrare questi obiettivi con l'impiego di materiali innovativi. 
In quest’ottica, un’azienda tedesca è diventata un punto di riferimento per la produzione di un particolare tipo di lucernari a cupola in plexiglas chiamato “Heatstop”, materiale che riflette il calore del sole e riduce in misura considerevole l'irraggiamento termico.
Il prodotto in questione diffonde in modo ottimale la luce disponibile e quindi non occorre illuminare ulteriormente i locali con luce artificiale. L'efficace protezione anticalore fa così scendere i costi nel lungo periodo.
Per quanto concerne la riflessione degli infrarossi, il prodotto riflette il 68% dell'energia solare, mentre il vetro acrilico tradizionale raggiunge un grado di riflessione del 36% soltanto. In confronto ai lucernari a cupola standard, i locali con le cupole in plexiglas si riscaldano del 50% circa in meno, secondo quanto rilevato da uno studio dell'Istituto d'illuminotecnica e tecnica edilizia dell'Università di Scienze Applicate di Colonia.
Le nuove cupole si adattano perfettamente ad ogni soluzione edilizia. Le lastre piane di plexiglas sono lavorate termicamente: vengono riscaldate fino a renderle all'incirca della consistenza di un asciugamano bagnato. Definito quindi il profilo del telaio esterno (da una forma tonda fino ad ovale e poligonale) e stabilita la profondità della cupola (freccia o zenit), si soffia aria compressa sulla lastra molle fino ad arrivare alla forma desiderata. Le forature per i fissaggi si effettuano in modo che combacino con il telaio di fissaggio disponibile.  
La soluzione in plexiglas è interessante soprattutto per i capannoni industriali, ma anche per gli edifici con spazi adibiti ad uso ufficio. 

Per ulteriori approfondimenti si rimanda al seguente sito

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati