Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

E' legittima l’impugnazione immediata del bando di gara solo se esistono clausole che determinano l’esclusione

Il Consiglio di Stato, con la Decisione 102/2009 del 14 gennaio 2009 ha stabilito che è legittima l’impugnazione immediata del bando di gara solo se esistono clausole che determinano l’esclusione del partecipante. In questo caso è comunque necessaria la presentazione della domanda di partecipazione. Nel caso in esame una impresa, che non aveva presentato domanda di partecipazione alla gara, aveva, sulla base di diverse considerazioni, proposto un ricorso su più punti che, se accolti, avrebbero potuto inficiare la stessa gara. Il Consiglio di Stato ha confermato la decisione sull’inammissibilità del ricorso, già proposta dal TAR del Lazio. Secondo il Consiglio di Stato solo con la presentazione della domanda l’impresa assume uno status giuridico differenziato rispetto alle altre aziende presenti sul mercato. L’impresa diventa infatti titolare di un interesse legittimo tutelato e può impugnare il bando di gara unitamente agli atti che ne costituiscono applicazione.

Fonte: www.edilportale.com
  

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati