Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

 

Sentenza n. 14243 del 4 aprile 2008

Con la Sentenza n. 14243 del 4 aprile 2008, la Corte di Cassazione ha stabilito che “il rilascio dell’atto concessorio (oggi permesso di costruire) è necessario, infatti, allorchè la morfologia del territorio venga alterata in conseguenza di opere di scavo, sbancamenti, livellamenti finalizzati ad usi diversi da quelli agricoli, ivi compresi quelli turistici o sportivi”.

Nel caso in esame, i proprietari dell’area avevano ottenuto una concessione edilizia per la realizzazione di un’attrezzaia agricola (un fabbricato ad uso deposito agricolo). In seguito a un sopralluogo, i tecnici comunali “rilevavano opere non autorizzate, in particolare la sussistenza di uno stradello, movimenti di terra con sbancamenti superiori ad un metro nella vicinanza di due piazzali esterni del fabbricato” e qualche giorno dopo “veniva presentata dai nuovi proprietari  una d.i.a. per i movimenti di terreno, in cui veniva manifestata l’intenzione di trasformare l’attrezzaia autorizzata in agriturismo”.

Nella sentenza la Corte ha altresì sottolineato che “al fine di stabilire se “i movimenti di terreno” costituiscano una trasformazione urbanistica del territorio, occorre valutare l’entità dell’opera che si intende realizzare, stante la possibilità di ricomprendere, con tale espressione, sia spostamenti insignificanti sotto il profilo dell’insediamento abitativo, per i quali non necessita il rilascio di un titolo abilitativo, sia rilevanti trasformazioni del territorio” come nel caso specifico che prevedeva la realizzazione di un agriturismo.

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati