Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   


Ritorna

LIMITI AGLI AFFIDAMENTI A TRATTATIVA PRIVATA
PER MOTIVI DI URGENZA

(Autorità per la vigilanza sui ll.pp., determinazione del 21 aprile n. 4)

L'Autorità di vigilanza è ritornata sull'argomento, già recentemente affrontato con la determinazione n. 1/2004, dei limiti entro i quali è possibile affidare, mediante trattativa privata, appalti di lavori pubblici la cui esecuzione si sia resa necessaria in conseguenza del verificarsi di eventi calamitosi, avendo registrato uno straordinario proliferare degli strumenti, quali ordinanze sindacali o leggi speciali, che consentono tali procedure.
L'Autorità ha voluto, così, ricordare che anche per i lavori legati alle emergenze esistono dei limiti alla deroga alle disposizioni di cui alla legge n. 109/94 e s.m. Queste procedure, infatti, secondo l'Autorità, sono ammesse fino a tutta la durata dello stato di emergenza, ma non si giustificano a distanza di anni dall'evento, laddove, cioè, la determinazione di affidamento dei lavori sia avvenuta in data successiva alla cessazione dello stato di emergenza e qualora il lasso di tempo trascorso abbia consolidato lo stato di fatto e quindi reso normale la necessità di intervenire.

 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati