Nuovo utente
Password dimenticata?

  Servizi Tecnici   
  Area abbonamento   
  Software Edilizia   
  Editoria tecnica   
  News   
  Applicazioni Strutturali   
  Appalti e Sicurezza   
  Quesiti tecnici   
  Bioedilizia   
  Links siti utili   
  Privacy Policy   

Sicurezza
I numerosi incidenti che si verificano in cantiere, mettono in evidenza la necessità di conoscere e rispettare tutte le misure di sicurezza necessarie. Con il D.Lgs. 494 il legislatore ha voluto sottolineare questa necessità ed identificare responsabilità e funzioni degli operatori. In questa sezione l’esperto si propone di affronatare le incertezze che i nuovi iter burocratici o la definizione delle nuove figure responsabili possono aver creato.
Documenti presenti : 92

In quali casi l’impresa è obbligata a redigere il piano operativo di sicurezza? Martedì 08/05/2001
L’impresa di qualunque dimensione, anche a carattere famigliare, o composta da due o più soci, è tenuta a redigere e produrre il piano operativo di sicurezza, altrimenti detto POS, in tutti i cantieri, siano essi edili o di ingegneria civile.....
Per la frequenza al corso di 60 ore, i direttori dei lavori possono essere omologati ai direttori di cantiere? L’accettazione degli attestati da parte dell’organo di vigilanza è garanzia sufficiente? Martedì 08/05/2001
In base al D.Lgs. 494/96 i soggetti che hanno operato per quattro anni come direttori di cantiere avevano la possibilità di frequentare un corso di formazione ridotto, la cui durata era fissata in 60 ore.....
In fase di progettazione il committente ritiene che l’opera venga realizzata da un’unica impresa. Non provvede pertanto alla designazione dei coordinatori e agli obblighi conseguenti. Durante la realizzazione dell’opera, invece, si presenta la necessità, per varianti impreviste ai lavori, o per esigenze dell’impresa appaltatrice, di ammettere in cantiere altre imprese, appaltatrici o subappaltatrici. Quali sono le conseguenze per il committente? Come deve operare? Martedì 08/05/2001
Nelle opere private può effettivamente presentarsi una situazione del genere. E’ per questo motivo che la “494 bis” ha introdotto la possibilità di designare il coordinatore per l’esecuzione durante l’esecuzione dei lavori.....
Spesso le imprese propongono al committente, specie se piccolo e solo se è privato, di assumersi in proprio l’onere della designazione del responsabile dei lavori e del coordinatore per l’esecuzione, quando non anche quella del coordinatore per la progettazione. E’ effettivamente un affare per il committente? Martedì 08/05/2001
Il ruolo del responsabile dei lavori è quello, in presenza di una designazione completa, di alter ego del committente. Quindi ne ha tutte le responsabilità, ma anche tutte le facoltà.....
Spesso gli enti pubblici chiedono ai liberi professionisti, ai quali sono già stati affidati gli incarichi di progettazione, direzione dei lavori e coordinamento ai sensi del Dlgs 494/1996, di assumere anche il ruolo di responsabile dei lavori. E’ possibile? A quali obblighi sarà chiamato ad adempiere il professionista? Martedì 08/05/2001
Il D.Lgs. 494/96, integrato con il D.Lgs. 528/99 prevede per il committente l’esonero delle responsabilità “connesse all’adempimento degli obblighi limitatamente all’incarico conferito al responsabile dei lavori.” .....
Le disposizioni del “494-bis”si applicano a quei cantieri per i quali la progettazione esecutiva sia conclusa alla data di entrata in vigore (19 aprile 2000). Com’è possibile stabilire in modo certo la conclusione della progettazione esecutiva? Si tratta di una attività che specie nel settore privato si sviluppa su tempi diversi, sovente non comprovabili obiettivamente e spesso successivi all’affidamento dei lavori. La redazione di elaborati esecutivi in fase di realizzazione dell’opera può essere interpretata come prosieguo della progettazione esecutiva, con il conseguente assoggettamento di tutti i cantieri al “528”? Come devono comportarsi i professionisti direttori dei lavori e coordinatori, e come devono consigliare i propri committenti? Martedì 08/05/2001
Il riferimento alla conclusione della progettazione esecutiva è previsto esplicitamente nell’articolo 25 del Dlgs 528/99. In particolare il comma 3 del medesimo articolo chiarisce che nel caso di appalti pubblici il termine di riferimento è l’approvazione del progetto esecutivo.....
Come si configura la presenza dei lavoratori autonomi in cantiere? Quali sono i loro obblighi e responsabilità? Martedì 08/05/2001
Il D.Lgs. 494/96, integrato con il D.Lgs. 528/99, è molto chiaro a proposito della considerazione dei lavoratori autonomi: essi non vengono assimilati alle imprese.....
Se gli elaborati di progetto esecutivo di un’opera pubblica sono stati completati e protocollati entro il 19/04/2000, data di entrata in vigore del Dlgs 528/1999, ma gli enti committenti non hanno deliberato formalmente, a quella data, l’approvazione del progetto (pur essendo completato l’iter istruttorio a cura del responsabile di procedimento), i relativi cantieri sono assoggettati al “494” o al cosiddetto “494-bis”? In questo secondo caso, quali sono gli obblighi? Martedì 08/05/2001
I futuri cantieri che rientrano nei casi esposti sono soggetti al “494-bis”. Ciò deriva dal fatto che nel settore pubblico la progettazione esecutiva è da ritenersi compiuta non con la consegna degli elaborati, bensì con l’atto di approvazione dell’organismo competente.....
Pagina 8 di 8
[<] 

Copyright © 2001,2006 - Fin.Fer. S.p.A. - P.I. 00490250305 - Tutti i diritti sono riservati